Guida completa all’esame Geometra 2021

Immagine avatar per Roberta

Roberta Pubblicato il 19 Agosto, 2021

3 minuti di lettura | 103 Visite

La pandemia da Covid-19 ha influito anche sullo svolgimento degli esami di abilitazione per gli albi professionali: anche per l’albo dei Geometri per il secondo anno consecutivo, l’abilitazione avverrà a distanza, con un unica prova orale. Tale prova unica si terrà, secondo quando stabilito dall’ordinanza 220 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.59 del 27 luglio 2021, a partire dal 23 novembre 2021, dopo aver reso noto il calendario il 18 novembre. Per poter fare la richiesta di ammissione all’esame per la sessione del 2021, c’è di tempo fino al 26 agosto.

Apri l'indice dei contenuti

Esame abilitazione Geometri: chi può fare domanda?

Il conseguimento del diploma Costruzioni, Ambiente e Territorio (ex Diploma Geometra) infatti non basta ad essere abilitati: allo stato attuale per poter svolgere la professione di Geometra o Geometra Laureato occorre sostenere l’esame abilitante dopo aver soddisfatto determinati prerequisiti. Nello specifico il Geometra Diplomato dovrà possedere come prerequisito un diploma di istruzione secondaria superiore di Geometra conseguito presso una scuola statale, legalmente riconosciuta o paritaria oppure possedere un diploma afferente al settore “Tecnologico” ad indirizzo “Costruzioni, ambiente e territorio” (CAT); deve possedere una certificazione di istruzione e formazione tecnica superiore, che comprenda un periodo di tirocinio professionale non inferiore a sei mesi e non superiore ai 18 che sia coerente con le attività della libera professione prevista dall’Albo o in alternativa sostenere il corso di formazione apposito tenuto dai Collegi provinciali.

Un’altra strada potrebbe essere l’abilitazione dopo la laurea: infatti il MIUR prevede che alcuni diplomi di laurea (equiparati alle lauree specialistiche e magistrali citate dal MIUR o dai diplomi universitari triennali di cui parleremo fra poco), alcune lauree specialistiche (definite nel decreto Miur n.509 del 3 novembre 1999), alcune lauree magistrali (definite nel decreto Miur n.270 del 22 ottobre 2004), possono costituire requisiti di partenza per richiedere l’abilitazione come Geometra Laureato. Lo stesso requisito è valido per chi possiede un diploma universitario triennale in Ingegneria delle Infrastrutture, Edilizia o Sistemi informativi Territoriali, o ancora sei mesi di tirocinio ed una laurea nelle seguenti classi: Ingegneria Civile ed Ambientale, Scienze e Tecniche dell’Edilizia, Urbanistica e Scienze della Pianificazione Territoriale ed Ambientale o ancora Scienze dell’Architettura e dell’Ingegneria Edile.

Come si presenta la domanda di richiesta per l’esame di abilitazione per geometri?

La domanda deve contenere i seguenti allegati:

  • una fotocopia di un documento di identità valido;
  • un curriculum, sottoscritto dal candidato, che indichi il percorso di studio e l’eventuale attività professionale svolta;
  • ricevuta relativa al versamento della tassa di ammissione agli esami
  • pubblicazioni di carattere professionali (se si sono prodotte);
  • infine un elenco, sottoscritto dal candidato, dei documenti presentati insieme alla domanda.

Le domande possono pervenire in uno di questi tre modi:

  • tramite raccomandata con avviso di ricevimento,ove fa fede per la data il timbro dell’ufficio postale accettante;
  • a mano, dove il candidato o chi per esso la consegna manualmente al Collegio di riferimento; in quel caso è l’apposita ricevuta rilasciata agli interessati dai Collegi, redatta su carta intestata a far fede. Su questa ricevuta ci sarà la firma dell’incaricato alla ricezione delle istanze, la data di presentazione ed il numero di protocollo
  • tramite PEC (posta elettronica certificata)al Collegio competente: è di sicuro il sistema più rapido, poiché si può inviare la documentazione da PC e senza effettuare code o spostamenti; nel caso della PEC fa fede la stampa che documenta l’inoltro della PEC.

Prova esame di stato geometri 2021

L’esame di Stato per il 2021 è articolato in unica prova orale, che prevederà una trattazione multidisciplinare degli argomenti e dei problemi che rientrano nelle competenze professionali del Geometra, di cui si troveranno tutte le nozioni negli appositi manuali preparatori all’esame; nello specifico, l’orale riguarderà:

  • la progettazione e realizzazione delle costruzioni idrauliche, statali ed edili, sia per un nuovo impianto sia per interventi di manutenzione straordinaria ed ordinaria, con riferimento preciso alle tecniche costruttive, ai materiali, al dimensionamento, alla contabilità dei lavori, alla direzione dei lavori, alla conduzione del cantiere ed alla normativa (urbanistica, per il contenimento dei consumi energetici, per la sicurezza, ecc.); 
  • strumenti, tecniche e metodi di rilevamento topografico e relative applicazioni; 
  • organizzazione circa la produzione cartografica e le norme relative;
  • teoria dell’estimo e metodologie di stima;
  • aspetti professionali e normativi dell’estimo rurale, edilizio, rurale, catastale e speciale;
  •  elementi di diritto pubblico e privato aventi come oggetto l’esercizio della professione; 
  •  ordinamento della professione.

Iscrizione all’Albo dei geometri

Una volta superata la prova, si consegue l’abilitazione professionale che si perfeziona iscrivendosi all’Albo professionale del Consiglio Nazionale degli Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL). Gli Ordini Provinciali del Consiglio presenti sul territorio forniscono tutte informazioni necessarie agli iscritti relative alla legislazione e deontologia professionale dei geometri e dei geometri laureati.

Geometri e Geometri laureati: sbocchi professionali

Dopo aver conseguimento l’abilitazione ed essersi iscritti all’Albo i geometri possono svolgere la propria attività in modo molto versatile: come dipendenti, presso enti pubblici e/o istituzionali, privati operanti nei settori dell’edilizia,delle energie rinnovabili e dell’ambiente, ma anche come liberi professionisti o consulenti presso studi professionali, società di progettazione e di costruzione, della valutazione di beni immobili, della gestione di cantieri ed imprese, della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Ancora possono entrare a far parte di studi professionali polispecialistici.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *