Diplomarsi da adulti : perché anche a 50-60 anni è importante prendere il diploma

Immagine avatar per Roberta

Roberta Aggiornato il

3 minuti di lettura | 136 Visite

Diplomarsi da adulti

La durata media della vita si è allungata moltissimo e il nostro paese è una delle nazioni con il maggior numero di anziani al mondo. Così oggi per una persona di 50 anni o più non è più così infrequente rimettersi in gioco e riprendere gli studi interrotti o ancora prendere un nuovo diploma, se si è già in possesso del primo.

Riprendere in mano i libri anche quando non si è più adolescenti o giovani adulti è un segnale di notevole energia e di gran voglia di rimettersi in gioco: accantonando le perplessità, lanciarsi in una simile avventura potrebbe portare alla realizzazione di un sogno professionale che non si era potuto realizzare prima, ma anche sentirsi attivi ed utili, oltre che ad arricchire il proprio bagaglio culturale di nuove conoscenze. 

Apri l'indice dei contenuti

Diplomarsi da adulti : come recuperare il tempo perduto

Ad oggi esistono moltissime strutture accreditate ed autorizzate su tutto il territorio che permettono di diplomarsi anche in un anno; ciò dipende dalla condizione lavorativa del diplomando o se sta frequentando in parallelo degli altri corsi formativi. In ogni caso la prima e necessaria condizione è la buona volontà e il non scoraggiarsi: un diploma può aprire poi la strada ad ulteriori percorsi di formazione e aprire delle nuove possibilità o carriere in ambito lavorativo.

La prima alternativa è iscriversi ad un corso serale per conseguire il diploma, che permetterà di lasciare le mattine ed i pomeriggi da dedicare al lavoro; in questo modo si potrà dare una svolta alla propria carriera o a ripensare un percorso lavorativo o aprirsi la strada per iscriversi ad un corso di formazione superiore.

La seconda alternativa è affrontare l’esame da privatista, ossia studiando autonomamente le materie senza l’aiuto di insegnanti e tutor , per poi sostenere l’esame. Una volta superato l’esame di maturità, il diploma ottenuto dallo studente privatista avrà lo stesso valore legale di quello ordinario. Il privatista però dovrà aver ottenuto in precedenza la licenza di terza media ed essere idoneo a frequentare l’ultima classe.

Diplomarsi da adulti con i corsi on line

E’ una terza alternativa che permette di conciliare le esigenze di chi lavora o ha poco tempo o abita lontano dall’istituto scelto; in questo modo si può studiare da pc, tablet o smartphone in qualunque luogo ci sia una connessione ad internet. I corsi per i diplomi sono erogati in modalità FAD (acronimo che indica Formazione A Distanza) in modalità di e-learning. Sono lezioni disponibili in videoconferenza e tendenzialmente personalizzabili, che porterà lo studente ad avere un interazione positiva con gli insegnanti o il tutor. In questo modo lo studente partirà esattamente dal suo livello e potrà procedere con un percorso di studio proficuo ed adatto.

Se si sta valutando questa alternativa, occorre valutare se l’Istituto scelto eroga un diploma riconosciuto dal ministero della pubblica istruzione: solo così il diploma ha la stessa validità degli altri e può essere spendibile anche nei concorsi pubblici.

Quale Diploma scegliere

Dipende dalle ragioni che spingono a riprendere in mano i libri ed ottenere il diploma: se si è interrotto un percorso di studio per motivi economici o lavorativi, si può scegliere lo stesso indirizzo per poter dire di aver portato a termine un percorso. Se invece si lavora o si vuole iniziare a lavorare nel settore turistico, la scelta migliore sarà l’istituto alberghiero oppure l’AFM (la vecchia ragioneria) per occuparsi degli aspetti gestionali. Se ancora può essere utile in ambito lavorativo per poter progredire in azienda e arrivare alla pensione con uno stipendio più alto, un diploma tecnico come tecnico industriale, tecnico informatico, geometra, può essere una validissima soluzione.

Ancora, un diploma permette di poter accedere ad alcune classi di insegnamento per materie di esercitazione pratica, come ad esempio il diploma di agrotecnico o di perito agrario che permette di poter insegnare Esercitazioni agrarie (classe di concorso 5/C), oppure i laboratori di elettrotecnica o di restauro, per fare degli altri esempi.Sul sito del MIUR è a disposizione la tabella C del D.M. n. 39/98 contenente l’elenco dei diplomi con cui è possibile insegnare e quali materie.

In ogni caso la soddisfazione di aver conseguito il diploma sarà impagabile. E nel caso di non superamento della prova, si potrà comunque ripeterlo l’anno successivo.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *