Come diventare perito termotecnico

Immagine avatar per Roberta

Roberta Pubblicato il 31 Gennaio, 2024

2 minuti di lettura | 298 Visite

Richiedi maggiori info gratis

Fra i diplomi tecnici, una menzione particolare merita il perito termotecnico, una figura sempre più richiesta per la gestione degli impianti energetici sia nelle aziende sia presso i privati, permettendoti di lavorare da subito dopo il conseguimento del diploma. Ma quale percorso di studi si deve fare per diventare perito termotecnico?

Perito termotecnico, chi è e cosa studia?

Previsto dal MIUR, è una specializzazione del corso di studi di Perito Industriale, che si articola in un biennio comune e in vari trienni di specializzazione fra cui,appunto quello di perito industriale in Termotecnica. E’ perciò un professionista che può entrare nel mondo del lavoro già il giorno dopo il conseguimento del diploma oppure, se vuole, può proseguire gli studi presso l’Università.

Oltre alle materie tradizionali comuni per tutti e cinque gli anni e per tutti gli indirizzi di Studio superiore (Lingua e letteratura Italiana, Lingua Inglese, Matematica,Storia, Scienze Motorie e Religione cattolica o Attività alternative), il terzo anno si studiano anche Elettrotecnica e laboratorio, Tecnologia meccanica e laboratorio, Sistemi automatici, regolazione e controllo impianti termomeccanici e laboratorio, Meccanica applicata, Macchine a fluido e laboratorio, Disegno meccanico ed Esercitazioni pratiche.

Il quarto anno al posto di Disegno meccanico subentra la materia di Impianti termotecnici, oleodinamici e pneumatici, laboratorio e disegno, mentre il quinto si aggiunge Elementi di diritto ed economia.

Cosa fa il perito termotecnico?

Il Perito Termotecnico esegue, progetta, collauda ed effettua manutenzione sugli impianti di areazione, climatizzazione, riscaldamento, refrigerazione, ventilazione, idrosanitari, antincendi, oleodinamici e pneumatici e tutti gli aspetti della gestione energetica, inclusi quelli riguardanti l’utilizzazione dell’energia in impianti civili ed industriali.

Può occuparsi di regolazione e controllo di impianti termici, di manutenzione collaudo e conduzione di macchine a fluido motrici ed operatrici ed in più di impianti di immagazzinamento e trasporto di liquidi e gas e in generale anche di sicurezza sul lavoro e tutela ambientale.

Oltre queste mansioni, può svolgere l’attività di tecnico da banco all’interno di aziende termoidrauliche e lavorare a diretto contatto con i clienti, il perito Termotecnico è in grado infatti di disegnare e progettare impianti, lavorando in un ufficio tecnico, passando poi i progetti a chi deve realizzarli, ma può anche progettare e realizzare pannelli solari, per poter produrre e sfruttare energia eolica e solare. Tali attività si possono sia intraprendere come dipendente, sia come libero professionista, dopo aver effettuato l’iscrizione all’albo professionale dei periti.

Se lavori e hai poco tempo, puoi pensare di conseguire il diploma di perito termotecnico frequentando le lezioni online; grazie al metodo e-learning il traguardo del diploma online è facilmente raggiungibile, sia se vuoi completare in poco tempo gli studi recuperando gli anni scolastici persi, sia se vuoi ottenere un secondo diploma, collegandoti da dove preferisci.

Cosa posso fare con il diploma di perito termotecnico?

Oltre alle attività lavorative che abbiamo appena elencato, questo diploma ti permetterà, qualora lo desideri, di poterti iscrivere a qualsiasi facoltà universitaria, avvantaggiandoti in lauree che sono il naturale prosieguo di quanto studiato come Ingegneria Termotecnica, i vari indirizzi di Ingegneria industriale ( in particolare il curriculum meccanico per diventare poi ingegnere termotecnico), Progettistica di Impianti o Fisica dei fluidi.

Quanto guadagna un perito termotecnico?

Lo stipendio mensile medio, secondo il portale di lavoro Indeed.com a Luglio 2022 per la posizione di progettista termotecnico in Italia è abbastanza interessante: si parla in media di 2.042 euro al mese, con punte anche di 2700 euro in Lombardia. Per uno stipendio medio annuale, sempre secondo il portale Indeed.com, lo stipendio medio si aggira poco sotto i 20mila euro (19.604 euro).

Contattaci per maggiori informazioni.

Vota questo post
Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottieni il tuo diploma »

Richiedi informazioni gratuite
Questo sito utilizza cookie
Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa i relativi pulsanti per accettare tutti o solo i cookie necessari.
Necessari
Preferenze
Statistici
Marketing